Fondazioni per l’artrite che promuovevano cibi infiammatori: ecco cos’ho scoperto contattandoli (e cosa è cambiato)

La Arthritis Foundation, la più grande fondazione americana no-profit che ha come missione migliorare la vita di chi soffre di questa malattia, dava questa scoraggiante notizia sul suo sito, nel 2013:
 
“Non esiste una dieta specifica che la gente con l’artrite reumatoide dovrebbe seguire”. [43]
AF_Brandmark_Primary_CMYK
 
Detto in questi termini non è una falsità. Non si può promettere che una dieta vegana o crudista garantisca una guarigione o un significativo miglioramento dell’artrite. Mi è parso scorretto però che nel loro articolo sulla dieta per l’artrite [24] parlassero subito dei benefici del consumo di pesce (lo consigliano due volte a settimana, senza dare l’opzione vegetale per gli omega3) e pur mostrando l’importanza di aumentare frutta, legumi e cibi antiossidanti, che non solo non invitassero ad eliminare almeno qualche giorno a settimana la carne e le uova, ma addirittura che scrivessero questo:
 
 
“A meno che non abbiate serie allergie alimentari, non c’è ragione medica per passare a vegan”. [44]
 
 
 
                                     … ???
 
 
 
Parole da mettersi le mani artritiche nei capelli…
 
La loro paura era che i pazienti vegani potessero avere serie carenze di nutrienti. Perché? Le diete onnivore standard sono per caso esenti da carenze alimentari?
 
Come illustra chiaramente il dottor M. Greger, mentre i vegani hanno in media tre carenze (iodio, vit. B12, vit. D) gli onnivori mediamente ne hanno almeno dieci (iodio, vit. B12, vit. D, calcio, ferro, vit. C, fibre, magnesio, folato, vitamina E). [45] Per non parlare di tutti gli eccessi…
 
Andando a vedere la lunga lista degli sponsors che aiutano questa fondazione a tenere conferenze, ho notato anche il nome di  vari colossi farmaceutici, dalla Pfizer, alla Novartis, alla Genentech. [46]
 
A proposito di quest’ultima, durante la stesura della prima edizione del mio libro LA SALUTE DI EVA (2014) avevo provato a dare un’occhiata alla pagina Internet del loro farmaco Actemra e alle loro informazioni sull’artrite.
salute.jpg
Alla voce “Ricette” si trovava scritto: “Nessun cibo curerà la tua artrite reumatoide ma una dieta salutare ti aiuterà a gestire i sintomi”. [47] Altrettanto innegabile. Nessun cibo, da solo, può curare l’artrite. Il testo proseguiva dicendo quanto sia importante “mangiare giusto” e avere “pasti bilanciati”.
Il solito “politically correct” che non disturba nessuno. La parola “dieta vegana” o crudista però non compare nemmeno qui. Perché?
Forse perchè perderebbero molti clienti.
 
Le loro ricette “R.A.-friendly”, ovvero ‘amiche dell’artrite’, erano inguardabili: carne di maiale in agrodolce, stufato di manzo, frittata di patate al formaggio, pasta con carne di manzo e mozzarella, torta al cioccolato con due uova.
 
???
Non ho potuto stare zitta.
 
Ho dovuto fare andare la lingua. Anzi, le dita.
 
A fine Ottobre del 2013, da comune cittadina, ho scritto un’ e-mail a questa azienda chiedendo loro di giustificarmi come mai, davanti all’evidenza scientifica sulle diete vegane e l’artrite, avessero messo ogni sorta di ricetta con carne rossa, uova e carne bianca sul loro sito. 
“Dovrete pur avere una posizione ufficiale su questo. Qualcuno deve pur aver deciso quali ricette postare e perché”, ho scritto.
 
Ho chiesto di farmi avere la loro posizione in merito per iscritto per favore. Scripta manent…  Verba mica tanto. Sai com’è.
 
Qualcuno della Genentech Medical Communications mi ha risposto dicendo di “non essere in grado di soddisfare la mia richiesta senza una discussione verbale”.
 
Non li richiamai, perchè volevo qualcosa di scritto, ma in compenso noto con piacere che nel ricontrollare quella pagina di ricette obbrobriose nell’agosto del 2017,   non era più rintracciabile sul loro sito.
 
E non è finita qui.
 
Sempre a fine ottobre 2013 scrissi anche un’e-mail all’Arthritis Foundation in cui dicevo che trovavo quel loro articolo “absolutely appalling” (pessimo, scioccante) dato che tanti studi mostrano l’effetto positivo delle diete vegane per le persone con RA, e che non siamo sicuramente noi vegani gli unici con qualche carenza…  “Perché non parlate di questa dieta?”, ho chiesto.
Non mi hanno risposto, ma  anche il sito dell’Arthritis Foundation è cambiato. Nel 2015 la pagina sull’artrite e le diete vegetariane è stata aggiornata.
 
Indovinate ora cosa dicono ora?
Leggete QUI IL LORO SITO  se sapete l’inglese. La pagina era stata aggiornata nel 2015, non molti mesi dopo che li avevo contattati.
Cattura.JPG
 
 
Finalmente ora mostrano tutta l’evidenza scientifica a favore delle diete vegane, e raccomandano solo di stare attenti a carenze di vitamine come la B12 ecc.  Non sono sicuramente ancora dei fans della dieta, per carità. Consigliano però di provarla anche solo un giorno a settimana (i famosi “Meatless Mondays”) e raccomandano di consultare un nutrizionista per evitare mancanze ecc. ecc. Le solite paure di carenze restano.
 
Ma almeno ora il tono è diverso, i dati li hanno messi, e la gente così può regolarsi.
 
Alleluja.
 
Il silenzio aiuta solo l’oppressore.
Anche voi fate andare la lingua!

E se soffrite di ARTRITE REUMATOIDE potete esplorare qui il nesso tra questa malattia e carne, pesce, uova e diete vegane

______________________________________________________

Materiale tratto dal libro  “LA SALUTE DI EVA” di Aida Vittoria Eltanin, disponibile in cartaceo ed ebook su Amazon.
Trovate QUI tutte le fonti bibliografiche citate nell’articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...